khalosmoscato

Anonymous asked:

Agosto 2013

khalosmoscato answered:

Fidanzato da poco con Marco.

Ci siamo messi insieme il 23 luglio, nel frattempo io ero tornato a casa mia. Il 27 andai via nuovamente. Manco una settimana e ci trovavamo a dover affrontare la distanza. Fu un tuffo al cuore. Mi sentii improvvisamente catapultato lontano dal ragazzo di cui ero innamorato, Marco, spazzato via da un immensa onda anomala. Dopo lo tsunami trovai la calma, desertica, secca, ma benevola. La lontananza rafforzò il rapporto fra me e Marco, a discapito della stupidità della gente che sapeva di noi (molto poca) che gridava già al nostro addio.

Col cazzo.

Trovai lavoro. Trovai la forza di lottare contro la distanza e la cattiveria della gente. Trovai la mano di Marco ad aspettarmi sempre e comunque, fedele alla nostra solenne promessa d’amore.

-Fra le distanze ad allontanarci, trovammo sempre il modo di stringerci le mani-

Arrivò puntuale il nostro primo mese: 23 Agosto. Caldo. Sole. Io, lui, noi. Divertimento. Felicità. Amore.

Ti AMO PICCOLO! 

pierluigivizza
E ci siamo amati così ardentemente che ci siamo dimenticati perfino di vivere. Abbiamo vissuto in un nostro mondo, tutto nostro… ci siamo rubati l’ossigeno a vicenda. Abbiamo cancellato i nostri spazi, disegnando ponti che ci hanno unito in un unico essere perfetto. Ci siamo scostati dal mondo reale che continuava a scorrere velocemente, ma che non riusciva a dividerci. Abbiamo danzato insieme e tu mi hai rubato il tempo, il mio tempo, e me lo hai restituito in baci che valevano più di un intero giorno di vita.
khalosmoscato

Anonymous asked:

Non vorrei essere invadente anche se lo sono , ma una volta hai scritto che il tuo ex patrigno ha tentato di ucciderti.. In che modo e cosa si prova?

khalosmoscato answered:

Con le mani la prima volta, e le minacce urlate, successivamente con una specie di mezzo piccone, ma non importa. Non si prova nulla, io pena per lui, ma oltre a quella nulla, al massimo ti dici -questo è matto- e finisce lì, anche se alla fine io mi son detto -Marco ha bisogno di me perciò qualunque cosa accada, vinco io- e alla fine ho “vinto”, veramente.

Io e te.
Contro tutto e tutti!